Come volevasi dimostrare….!!!!

       Abbiamo dibattuto molto se pubblicare o meno sul sito FIAM® il testo del verbale dell’Assemblea tenutasi il 29 maggio u.s. ed essendo prevalsa l’idea, seppur a fatica, che gli aeromodellisti italiani fossero diventanti ormai “adulti”, avevamo deciso che tali notizie andavano pubblicate.
       Mio malgrado ho dovuto constatare che la pubblicazione anche del solo verbale è stata subito commentata in maniera negativa e con diverse pagine su un forum, forse l’unico rimasto attivo preferendo ormai in tanti scrivere direttamente su facebook, dimostrando purtroppo ancora una volta che i soliti noti non aspettavano altro, magari mettendo anche la sveglia di notte per essere i primi a captare e quindi a commentare le nostre notizie…..selezionandone, come fanno sempre, una parte per evidenziare negativamente quanto affermato o fatto da FIAM®.
       Chi sono i soliti noti non serve dirlo, si sa…….!!!! possiamo solo evidenziare che hanno avuto da fare!!!!
       ……. ben 1.622 messaggi su questo argomento sono stati postati da un indirizzo, altri 2.598 messaggi da un altro, ovviamente in buona parte contro FIAM® la qual cosa ci ha indotto a rimuovere volutamente e immediatamente dal sito quanto era stato pubblicato e ad inviarlo in via riservata solo ai Presidenti dei Club FIAM® lasciando, come si dice, con un palmo di naso i soliti arrabbiati, urlatori, odiatori, i soliti …. che ora dovranno arrovellarsi non poco su come occupare il (troppo) tempo libero a loro disposizione.
       Comunque, per la cronaca, riconfermo che il Presidente FIAM® è in stretto contatto sia via filo che per mail con i vertici di AeCI, unico Ente delegato da ENAC a trattare con loro eventuali modifiche al Regolamento UE per l’Italia, che costoro lo tengono informato sugli sviluppi della trattativa con ENAC e che, in più, sembrano tenere in buon conto i suggerimenti di FIAM®.
       Ai soliti noti, ma non solo a loro, che non sanno tutto ciò che “bolle in pentola” e che non conoscono tutti gli aspetti delle trattative in corso, confermo che seppur lentamente qualcosa si sta muovendo a favore del nostro mondo e quindi suggerisco loro, come sempre fatto del resto, di mantenere “calma e gesso” e di attendere con una certa fiducia i prossimi sviluppi, così come sostiene AeCI.

Alla prossima …!!!

Adolfo Peracchi